2024-05-27

Cari partecipanti alla Conferenza,

 

Vi do il benvenuto in occasione dell'apertura della Conferenza Internazionale: “Mitigazione dell'impatto ambientale delle mine antiuomo: mobilitazione delle risorse per un futuro sicuro e verde”.

 Oggi, le mine e gli ordigni inesplosi continuano a rimanere un grave problema, che rappresenta una minaccia per la sicurezza delle persone in molti paesi. Oltre a mettere a repentaglio la vita umana, le mine  mettono seriamente a repentaglio lo sviluppo socioeconomico, danneggiano l’ambiente e il patrimonio culturale, ostacolano la ripresa postbellica e le iniziative di sviluppo e, in ultima analisi, ostacolano il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, anche decenni dopo la fine delle guerre.

 Se da un lato le esplosioni minerarie rappresentano una minaccia per la vita delle persone e mettono in discussione il loro stesso diritto alla vita, dall’altro danneggiano in modo significativo l’ambiente. I rifiuti di plastica derivanti da un’esplosione comportano conseguenze ambientali incidendo negativamente sulla struttura del suolo. Le mine che rimangono dissotterrate per lungo tempo possono provocare reazioni chimiche pericolose. Il terreno non utilizzato a causa della minaccia delle mine è soggetto ad erosione e abrasione. Pertanto, è particolarmente significativo che la conferenza di oggi sia organizzata in vista della 29a sessione della Conferenza delle parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici – COP29, che l’Azerbaigian ospiterà.

 L’Azerbaigian subisce il peso di un conflitto trentennale e dell’occupazione delle sue terre da parte dell’Armenia, soffre del problema dell’inquinamento da mine ed è tra i paesi più inquinati dalle mine al mondo. Secondo le prime stime, circa il 12% del territorio del Paese è inquinato da 1,5 milioni di mine e da un numero imprecisato di ordigni inesplosi.

 Dalla fine della guerra nel 2020, 361 nostri cittadini, per lo più civili, sono rimasti vittime dell’esplosione di mine, provocando 68 morti e 293 feriti gravi. Complessivamente, dall’inizio dell’aggressione armena contro l’Azerbaigian, oltre 3.400 nostri cittadini hanno sofferto a causa delle mine, tra cui 358 bambini e 38 donne. Il costante aumento del numero delle vittime delle mine è associato al rifiuto dell'Armenia di fornire mappe accurate delle mine piantate sul territorio dell'Azerbaigian e al posizionamento di trappole esplosive lungo le strade, i cimiteri e altre strutture civili situate dietro la precedente linea di contatto. Dal 2020 al 2023 sono state create nuove zone minate, che si estendono fino a 500 chilometri, nuove mine sono state piantate in Azerbaigian. La responsabilità di ciò spetta all’Armenia.

 Le sfide che affrontiamo nello sminamento ostacolano anche i nostri sforzi di sviluppo e recupero, creando seri ostacoli al ritorno di 800mila ex sfollati.

 Lo sminamento umanitario è tra le massime priorità delle politiche statali dell’Azerbaigian, e il fondamento di ciò è stato posto dal leader nazionale del popolo azerbaigiano – Heydar Aliyev. Oggi, l’organismo principale responsabile dello sminamento umanitario in Azerbaigian è l’Agenzia per l’azione contro le mine della Repubblica dell’Azerbaigian – ANAMA.

 Finora sono stati bonificati circa 140mila ettari da 119.946 mine e ordigni inesplosi. Tuttavia, le aree minate si estendono ben oltre questo limite. Le mine sono facili da piantare, ma lo sminamento è un processo molto più difficile e complesso. In un breve lasso di tempo, l’Azerbaigian ha mobilitato tutte le sue forze e sta utilizzando le tecnologie più avanzate e all’avanguardia disponibili a livello mondiale. Stiamo implementando misure per migliorare l’efficienza nello sminamento e le nostre capacità sono notevolmente migliorate rispetto agli anni precedenti. Dall’anno scorso sono state dispiegate anche squadre di sminamento composte da sole donne.

 Il nostro Paese sta attuando lo sminamento umanitario a proprie spese. Un adeguato sostegno politico e pratico da parte della comunità internazionale per mitigare le conseguenze umanitarie delle mine e sminare le aree colpite è della massima importanza.

 Mentre affrontava il problema delle mine, l’Azerbaijan ha contemporaneamente lanciato molteplici iniziative per attirare l’attenzione della comunità internazionale su questo tema. Come forse saprete, l’anno scorso il nostro Paese ha ufficialmente dichiarato lo sminamento umanitario come il 18° Obiettivo nazionale di sviluppo sostenibile e stiamo lavorando per garantire il riconoscimento di questa questione come il 18° Obiettivo di sviluppo sostenibile globale delle Nazioni Unite. Nel frattempo, l’Azerbaigian ha lanciato un’iniziativa per istituire un Gruppo di Contatto Speciale sullo Sminamento Umanitario all’interno del Movimento dei Non Allineati. Il Gruppo di Contatto ha iniziato ad operare dallo scorso settembre.

 Nel 15° incontro degli stati parti della “Convenzione dell’Aia del 1954 per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato”, tenutosi nel 2013, su iniziativa dell’Azerbaigian è stata adottata una risoluzione intitolata “L’impatto delle mine sul patrimonio culturale”. In seguito a questa importante risoluzione, l’Azerbaigian ha ospitato una conferenza speciale ad Aghdam questo maggio, dal tema “L’impatto delle mine e degli ordigni inesplosi sui beni culturali”.

 Negli ultimi tre anni il nostro Paese ha ospitato numerose conferenze internazionali, in collaborazione con l'ONU, dedicate al tema delle mine. Oltre a costituire le principali piattaforme di discussione sulle questioni legate all’azione contro le mine, questi eventi attirano maggiore attenzione su questo importante problema che affligge l’umanità nell’era moderna. Attualmente, l’Azerbaigian sta lavorando con le Nazioni Unite per istituire il “Centro di Eccellenza” per fornire formazione sull’azione contro le mine. A margine di questa conferenza sarà firmata una lettera di intenti tra l'ANAMA e il Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite. Questo notevole sviluppo consentirà all’Azerbaigian di condividere la propria esperienza con i paesi che affrontano problemi simili.

 L’evento di oggi dimostra la determinazione dell’Azerbaijan nell’affrontare la questione delle mine, una delle sfide dei tempi moderni. Credo che questa conferenza contribuirà ad affrontare il problema delle mine e le loro conseguenze, compreso l'impatto ambientale, nonché allo scambio di esperienze avanzate nel campo dell'azione contro le mine.

 Vi porgo i miei migliori auguri e auguro alla conferenza ogni successo.

  

Ilham Aliyev

Presidente della Repubblica dell’Azerbaigian

Search in archive