2017-03-17
A Baku il V Forum Globale

Il 5° Forum Globale di Baku ha preso il via oggi 16 marzo nella
capitale azerbaigiana, con lo slogan "Il futuro delle relazioni
internazionali: potere e interessi".

L’evento è co-organizzato dal Comitato Statale per il Lavoro con la
Diaspora e dal Nizami Ganjavi International Center.

Hanno partecipato alla cerimonia di apertura il Presidente della
Repubblica dell'Azerbaigian, Ilham Aliyev e la First Lady, Primo Vice
Presidente, Mehriban Aliyeva.

Ai due giorni di attività sono presenti oltre 300 fra presidenti, capi
di stato e governo di 53 paesi diversi in carica e non, membri di
organizzazioni internazionali, etc.

Tra le personalità di rilievo che stanno prendendo parte
all'importante appuntamento annuale, si annoverano il presidente della
Lettonia Raimonds Vejonis, il presidente macedone Gjorge Ivanov, il
presidente albanese Bujar Nishani, il presidente del Montenegro Filip
Vujanovic, il presidente georgiano Giorgi Margvelashvili, ed altri.

Dall'Italia partecipa l'ex ministro degli affari esteri ed ex vice
presidente della Commissione Europea Franco Frattini.

Il Presidente Ilham Aliyev ha tenuto un discorso alla cerimonia di apertura.
Accogliendo i partecipanti, ha evidenziato come accogliere questo
forum sia ormai una tradizione per l’Azerbaigian, che lo ospita non
per la prima volta.
"L’Azerbaigian, come Stato indipendente, è relativamente nuovo. L'anno
scorso abbiamo celebrato il 25° anniversario del ripristino della
nostra indipendenza. La nostra attività, i progetti che abbiamo
avviato nel nostro paese, e il fatto che abbiano un impatto positivo
su tutta la regione è uno dei modi per presentare il nostro paese al
mondo ", ha detto il presidente.

"Stiamo investendo nel dialogo delle civiltà e culture. L’Azerbaigian
stesso soffre per la guerra, l’occupazione, la catastrofe umanitaria,
a seguito dell’aggressione armena e dell'occupazione del suo
territorio", ha detto Ilham Aliyev.

"La comunità internazionale ci rispetta perché perseguiamo una
politica indipendente e manteniamo sempre la nostra parola. Siamo un
partner affidabile, e riusciamo a costruire relazioni con i vicini
molto positive, e al tempo stesso pragmatiche, basate su storia,
amicizia, reciproco interesse, rispetto reciproco, e non ingerenza
negli affari interni altrui", ha affermato il Presidente Ilham Aliyev.

Ha proseguito col dire che l'Azerbaigian ha stabilito ottimi rapporti
con gli stati membri dell’UE. Con nove di loro, l'Azerbaigian ha
firmato o adottato documenti di partenariato strategico.

"Penso che questo sia un grande risultato, perché dimostra che molti
paesi europei considerano l'Azerbaigian come un partner strategico. E
non solo a causa delle sue risorse energetiche, la nostra cooperazione
è molto più ampia", ha detto.

Gli eventi e i dibattiti della due giorni di Forum sono incentrati sui
principali temi internazionali del momento, in particolare: il futuro
delle relazioni transatlantiche, l’evoluzione della minaccia
terroristica e il futuro dell’Europa.

L’Ambasciatore italiano in Azerbaigian Gianpaolo Cutillo ha letto un
messaggio del Capo dello Stato, Sergio Matterello, rivolto ai
co-presidenti del Nizami Ganjavi Center.