2016-09-27
L’Azerbaigian all’Assemblea delle Nazioni Unite: appello al rispetto reciproco

Il 23 settembre 2016, salendo sul podio dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, il ministro degli Esteri dell’Azerbaigian Elmar Mammadyarov ha sottolineato l'importanza fondamentale di rafforzare una migliore comprensione tra le diverse comunità e incoraggiare il rispetto reciproco, al fine di raggiungere gli ambiziosi obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) dell’Agenda 2030 .

"Conflitti armati non risolti, terrorismo, estremismo violento, separatismo aggressivo, intolleranza e discriminazione per motivi etnici e religiosi continuano a rappresentare le sfide più serie e sono tra i principali ostacoli allo sviluppo", ha detto all'Assemblea nel suo dibattito generale annuale.

"Il documento finale del vertice delle Nazioni Unite per l'adozione dell'agenda di sviluppo post-2015 ha affermato che non vi può esistere sviluppo sostenibile senza pace e pace senza sviluppo sostenibile, ricordando i diritti e gli obblighi degli Stati in base al diritto internazionale e ribadendo la necessità di rispettare l'integrità territoriale e l'indipendenza politica degli Stati ".

Ha affermato che nessun progresso sostanziale è stato raggiunto nella risoluzione del conflitto tra Armenia ed Azerbaigian nel corso dell'ultimo anno, aggiungendo: "l’Armenia continua ad occupare i territori dell'Azerbaigian, compresa la regione del Nagorno-Karabakh e sette distretti adiacenti, in flagrante violazione del diritto internazionale e delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite."

Le conseguenze umanitarie del conflitto sono dure e richiedono soluzioni urgenti, con lo spostamento massiccio e quasi un milione di rifugiati e profughi interni privati dei loro diritti umani fondamentali e delle libertà fondamentali, ha sottolineato.

"L’ulteriore perdurare di questa situazione è intollerabile", ha affermato Mammadyarov. "La politica dell’Armenia e le azioni nei territori occupati dell'Azerbaigian minano le prospettive di giungere ad una soluzione politica del conflitto e costituiscono una minaccia imminente per la pace, la sicurezza e la stabilità nella regione", ha evidenziato.

Ha accusato l'Armenia di ricorrere frequentemente a provocazioni armate, e di aver condotto nello scorso aprile attacchi su larga scala contro la popolazione civile dell’Azerbaigian, sottoponendo aree densamente popolate, comprese scuole, ospedali e luoghi di culto, a fuoco intenso con artiglieria pesante e armi di ampio calibro, uccidendo o ferendo gravemente un gran numero di civili azeri.

"Gli attacchi diretti e deliberati dell’Armenia contro la popolazione civile azera, così come gli atti inumani contro i militari azeri, durante la sua azione offensiva nel mese di aprile di quest'anno, costituiscono un’ulteriore grave violazione del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani da parte dell'Armenia", ha detto.

 

"Il conflitto può essere risolto solo sulla base della sovranità e l'integrità territoriale dell'Azerbaigian entro i suoi confini internazionalmente riconosciuti. Quanto prima l'Armenia riconciliera’ se stessa con questa realtà e ritirera’ le sue forze armate dai territori occupati dell'Azerbaigian, e prima il conflitto sarà risolto, e l'Armenia e la sua popolazione beneficeranno delle prospettive di cooperazione e di sviluppo economico ", ha sottolineato.

 

http://www.un.org/apps/news/story.asp?NewsID=55090#.V-pd-oh96M9