- Transporti e logistica

L’Azerbaigian è chiamato ad affrontare sfide importanti quali l’ammodernamento delle infrastrutture esistenti, alcune delle quali in cattivo stato di manutenzione per tutti gli anni ‘90, e la realizzazione di nuove infrastrutture per consolidare lo status di punto di transito per le merci dall’Asia Centrale all’Europa.

Tutti i segmenti dell’industria dei trasporti dell’Azerbaigian sono in forte crescita. Le spedizioni, ad esempio, hanno registrato un aumento medio annuo di quasi il 20% dalla metà degli anni ‘90. L’aviazione è uno dei segmenti più importanti, con investimenti cumulativi che negli ultimi anni superano i 200 milioni di dollari Usa. Il trasporto su rotaia sta crescendo a passo simile, grazie soprattutto ai volumi sempre crescenti di merci in transito attraverso il Paese. Anche il trasporto via oleodotto e gasdotto è stimato in rapido sviluppo nei prossimi anni, insieme alla realizzazione di progetti petroliferi su larga scala e loro messa a regime.

Trasporto passeggeri per settore (in migliaia)

Indicatore 2008 2009 2010
Ferrovie (migliaia) 6394 6389 4802.6
Via mare (migliaia) 14 10 12
Linee aeree (migliaia) 1396 941 1017.1
Metropolitana (migliaia) 00412 206140 181146.3
Strada (migliaia) 1033945 1114593 1200330.1
Autobus (migliaia) 1000194 1076509 1158324
Taxi (migliaia) 33751 38084 42006.1
Totale (migliaia) 1242161 1328073.5 1387308.1

 

 

 Il settore dei trasporti in Azerbaigian, comprende spedizioni su rotaia, gomma, via aerea o mare e ammonta a circa il 7% della produzione interna. L’Azerbaigian ha fatto passi significativi per realizzare riforme strutturali nel settore dei trasporti, e ha realizzato miglioramenti importanti per quanto riguarda il ripristino e la costruzione di strade, ferrovie e altre  infrastrutture. Nel giugno del 2003, le funzioni e gli obblighi del Ministero dei Trasporti sono stati radicalmente cambiati per raggiungere una chiara differenziazione tra politica dei trasporti e operatività dei trasporti. Questo è stato un passo significativo verso la modernizzazione del settore dei trasporti in Azerbaigian.

Merci totali trasportate (migliaia di tonnellate) 

Indicatore 2008 2009 2010
Totale 183093 190372 196451,6
Ferrovie 27432 20799 22349,4
Via mare 11898 13190 11714,3
Linee aeree 43 32 39,6
Condotti 55731 62115 62457,6
Oleodotti 44383 50480 49982,2
Gasdotti 11348 11635 12475,4
Strade 87989 94236 99890,7

Particolare attenzione viene attribuita al ruolo del trasporto multimodale per soddisfare le necessità delle logistiche euro-asiatiche. Ciò implica la realizzazione di un ambiente di transito favorevole, per il trasporto efficace di merci e passeggeri attraverso la regione. L’Azerbaigian enfatizza l’importanza di sviluppare i collegamenti commerciali efficienti euroasiatici come mezzo per incrementare la prosperità e migliorare il livello di vita delle persone di tutti i paesi coinvolti. Tutto questo supporta  l’Azerbaigian nello sforzo compiuto per integrarsi nell’economia globale.

Il governo dell’Azerbaigian, assieme al settore privato, è attivamente coinvolto nella cooperazione con agenzie internazionali di finanziamento e investitori nel settore dei trasporti. Queste istituzioni, quali la Banca Mondiale, la Banca Europea di Ricostruzione e Sviluppo, UE-TACIS e ADB sono attive sia all’interno del Paese che nella regione.

L’Azerbaigian sostiene fermamente le iniziative del trasporto regionale e promuove il trasporto internazionale di transito. I progetti infrastrutturali comprendono la costruzione e il ripristino di ferrovie, autostrade, porti, e aeroporti. L’Unione Europea (UE) sponsorizza lo sviluppo del settore dei trasporti tramite TRACECA e i progetti nazionali. Gli obiettivi dell’UE comprendono il collegamento tra il corridoio di trasporto Est-Ovest e le reti transeuropee. La Banca Europea di Ricostruzione e Sviluppo sta investendo in progetti cruciali, ferrovie e strade, con il coinvolgimento di TRACECA.

Il ruolo attivo dell’Azerbaigian nell’istituire il Corridoio di Trasporto Europa-Caucaso-Asia (TRACECA) e il fatto di far parte della Commissione Intergovernativa di TRACECA, sottolineano con forza l’apertura della politica di trasporto intrapresa dall’Azerbaigian. La commissione intergovernativa di TRACECA, che comprende Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan (Asia Centrale), i tre stati caucasici e la Bulgaria, la Moldova, la Romania, la Turchia e l’Ucraina, è stata realizzata per promuovere il trasporto su questo corridoio, rimuovendo barriere non fisiche, stabilendo collegamenti per i trasporti, e promuovendo potenzialità logistiche e trasporto multimodale. Maggiori informazioni su TRACECA possono essere ottenute tramite il sito www.traceca-org.org

Gli investitori privati stanno attualmente valutando l’opportunità di creare un centro di logistica internazionale vicino a Baku, con accesso ai trasporti su rotaia, su gomma e via acqua.

Il centro internazionale di logistica diverrà il fulcro primario per il trasporto e l’industria. Investimenti nel settore dei trasporti sono accolti con favore in Azerbaigian e il Paese offre una varietà di modelli d’investimento in Partecipazioni Pubblico Privato (PPP).

Allo scopo di portare le strade dell’Azerbaigian a livello mondiale, il governo investe enormi capitali in progetti infrastrutturali (nel 2011 gli investimenti totali sono stati pari a 2,6 miliardi di manat). Solo a Baku, si prevede di realizzare ponti, cavalcavia e passaggi sotterranei. Sono in fase di realizzazione nuove strade di superficie, in cemento, che collegano Baku alla Russia, eseguite con tecnologia tedesca.

 

Centro intelligente di gestione dei trasporti

Presso il Ministero delle Finanze dell’Azerbaigian il 28 ottobre è stato registrato con capitale autorizzato di 100 manat il Centro di gestione intelligente dei trasporti. Fondatore del Centro è la Commissione Proprietà Pubblica.  Un nuovo sistema di gestione intelligente dei trasporti in Azerbaigian sarà commissionato nel dicembre del 2011. Le fasi due e tre del sistema coprono la penisola di Absheron, ed anche tutte le principali strade ed arterie che attraversano il Paese.

Nel creare il sistema sono state inizialmente utilizzate nuove attrezzature importate dagli Stati Uniti. Queste attrezzature non richiedono lavoro aggiuntivo per il loro ampliamento a copertura delle zone a sistema intelligente. Una volta terminate tutte e tre le fasi, il sistema sarà controllato dal centro di Baku.

 

 

Investimenti di capitale nei trasporti (migliaia di manat) 

Indicatore 2008 2009 2010
Totale 1991574,25 1705970,4 22434800
Trasporti terrestri 1820206,62 181044,8 511100
Trasporti su rotaia 13386,6 2741,1 3400
Altri trasporti terrestri 1779641 156437,2 162900
Condotti 27179 21866,5 344800
Trasporti via acqua 65636,7 35637,5 13200
Trasporti aerei 99847,2 31882,3 214100
Attività di supporto e ausiliarie, attività delle agenzie di viaggio 5883,8 1457405,8 1696400

L’aumento dei costi del progetto è associato al miglioramento di alcune funzioni del sistema, in base alla decisione del Gabinetto dei Ministri riguardante la realizzazione di diverse misure volte a prevenire atti terroristici. Il costo iniziale del progetto ammontava a 77 milioni di dollari, che con aggiunte e modifiche è aumentato di 19 milioni di dollari.

n particolare, era necessario un incremento di video streaming e registrazioni; il numero dei terminal informativi è aumentato da 300 a 664 unità. Il numero dei cartelli stradali informativi a Baku, la cui installazione era stata pianificata, è aumentato da 20 a 48 unità. Si prevede di creare circa 639 punti per bus e circa 140 punti per i taxi.

Queste operazioni vengono eseguite congiuntamente con il corpo dei vigili urbani azerbaigiano e con gli specialisti coreani incaricati dell’installazione del sistema intelligente. Il nuovo sistema prevede inoltre l’installazione di circa 150 nuovi semafori elettronici.

 

LA FERROVIA BAKU-TBILISI-KARS

Le idee e le discussioni sul nuovo nodo ferroviario Kars-Akhalkalaki iniziano nel 1993. La dichiarazione storica relativa al progetto “Nuova Connessione Ferroviaria Baku-Tbilisi-Kars” tra l’Azerbaigian, la Georgia e la Turchia è stata  firmata il 25 maggio 2005 a Baku dai presidenti dell’Azerbaigian, Ilham Aliyev, della Georgia, Mikheil Saakashvili, e della Turchia, Ahmet Necdet Sezer.

Il 21 novembre 2007, a Marabda (Georgia meridionale), i presidenti dell’Azerbaigian, della Georgia e della Turchia hanno inaugurato la costruzione di una nuova linea ferroviaria tra Kars e Baku, via Tbilisi. Questa nuova linea ferroviaria è destinata ad  incrementare la capacità di trasporto nel Caucaso meridionale e a diversificare la natura delle merci trasportate attraverso questi tre paesi. Dopo la realizzazione dell’oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan (BTC) e del gasdotto Baku-Tbilisi-Erzurum (BTE), la ferrovia Baku-Tbilisi-Kars, conosciuta anche come la ferrovia Kars-Akhalkalaki-Tbilisi-Baku, rappresenta un altro passo per fare del Caucaso Meridionale, e in particolare dell’Azerbaigian, della Georgia e della Turchia, un grande corridoio di transito tra Europa e Asia.

Collegamento tra Baku in Azerbaigian e Kars nella Turchia orientale via Tbilisi in Georgia: il completamento della ferrovia è previsto per la fine del 2012, per il trasporto di merci, specialmente petrolio, e passeggeri. Si prevede di estendere il corridoio ferroviario all’Europa in base al progetto Marmaris, una volta che il tunnel sotto lo stretto di Istanbul divenga operativo per  il 2012. Il progetto B.T.K. comprende la costruzione di un segmento di 29 km in Georgia, e un tratto di 76 km in Turchia. Inoltre, il tratto di 160 km di ferrovia Akhalkalaki-Marabda-Tbilisi sarà ricostruito per aumentare la capacità di trasporto, fino a 15 milioni di tonnellate annue. Si prevede di realizzare alla stazione di Akhalkalaki un punto speciale per il passaggio dei treni dallo standard delle rotaie esistenti in Georgia e in altri paesi ex-sovietici (1520 mm) allo standard europeo (1435 mm). Il progetto è stimato in 422 milioni di dollari, e prendendo in considerazione le infrastrutture relative, i costi sono di 600 milioni di dollari.

 

Linea ferroviaria Baku-Tbilisi-Kars

La realizzazione del nuovo progetto di connessione ferroviaria Baku-Tbilisi-Kars, e nel frattempo, la costruzione della ferrovia sotto il Bosforo, in base al progetto Marmara che connette le reti ferroviarie attraverso Europa e Asia, nonché la costruzione del nuovo Porto Marino Commerciale a Alat (Azerbaigian), in linea con le più avanzate tecnologie, daranno vita ad una connessione ferroviaria rapida e sicura per trasportare merci in Europa e  viceversa, sfruttando la via più breve.

La ferrovia B.T.K. è un piccolo ma cruciale segmento dell’emergente corridoio transcontinentale che ha finito per incentivare significativamente la competitività del corridoio di trasporto internazionale e le capacità di transito dei vari Paesi nella regione, supportando inoltre la creazione di una rete ferroviaria integrata di trasporti tra Europa e Asia.