- Industria leggera

L’Azerbaigian ha una lunga tradizione di produzione, filatura e tessitura del cotone e della seta. La tessitura industriale è iniziata nel tardo diciannovesimo secolo. L’ulteriore industrializzazione dell’Azerbaigian nel ventesimo secolo ha stimolato il rapido sviluppo dell’industria leggera, compresa quella tessile.

Le principali materie prime per l’industria tessile nazionale sono il cotone, la lana, i bozzoli di seta, pelle e fibra sintetica. L’Azerbaigian ha avuto un ruolo importante nella produzione di tessuti di seta tra i paesi dell’ex Unione Sovietica.

Dopo un periodo di crisi, verso la metà degli anni novanta, la coltivazione del cotone è aumentata. Le aree seminate a cotone sono aumentate di quasi il 10% tra il 2002 e il 2003, raggiungendo i 66.800 ettari. La produzione è incrementata di oltre il 23% nello stesso periodo, fino a 99.500 tonnellate. Questo indicatore era pari a 65.300 tonnellate di cotone grezzo nel 2011. Oltre la metà dell’incremento è derivato da una maggiore produttività. La produzione potenziale totale di cotone in Azerbaigian equivale a 800.000 tonnellate, proveniente da circa 280.000 ettari. Questo livello fu raggiunto alla metà degli anni ’80, con un investimento massiccio da parte del governo sovietico.

Altre materie prime importanti per l’industria della tessitura dell’Azerbaigian sono la lana e i bozzoli di seta. Nel 2011, il numero di ovini locali ha superato gli 8,5 milioni, e sono state prodotte circa 16.200 tonnellate di lana.

Potenzialmente è possibile produrre oltre 9.000 tonnellate di bozzoli di seta l’anno, aumentando le aree delle piantagioni di gelso fino a 25.000 ettari. In genere 3,5 kg di bozzoli locali forniscono 1 kg di tessuto di seta (lo standard giapponese è 1 kg di seta ogni 2,8 kg di bozzoli). Pertanto il potenziale dell’industria della seta locale è di 2.600 tonnellate, o circa 18 milioni di m2 di tessuto di seta (1 kg/5-7 m2).

Vi sono inoltre buone opportunità per la produzione e la lavorazione della pelle in Azerbaigian, dal momento che negli ultimi anni l’allevamento del bestiame è cresciuto rapidamente.

Il mercato del tessile in Azerbaigian, oltre al mercato locale, comprende la Russia, l’Asia Centrale e l’Iran. Nessun dazio sulle esportazioni è esigibile su tali prodotti. I prodotti tessili esportati nell’Unione Europea sono esenti da quote e permessi, e viene pagato solo il dazio di importazione.

I prodotti di origine azerbaigiana sono soggetti a dazi d’importazioni significativamente più bassi rispetto ai prodotti provenienti da altri paesi. Gli indubbi vantaggi di cui gode l’industria tessile in Azerbaigian sono:

* Basso costo del lavoro e bassi costi di produzione

* Forti radici storiche nella tessitura

* Materie prime locali

* Ubicazione favorevole

* Accesso diretto all’Asia Centrale e alla regione del Mar Caspio

* Prossimità di grossi mercati potenziali

* Opportunità di localizzare la produzione in piccole e medie città del Paese

* Opportunità derivanti dalla privatizzazione di impianti tessili di proprietà dello stato.

 

 

Volume prodotti tessili (prezzi reali, milioni di manat)

Anno 2009 2010 2011
Industria tessile 33,9 24,7 85,2

 

Personale industria tessile (migliaia di persone)

Anno 2009 2010
Industria tessile 4,6 5,5